Davide Marchetta (Page 2)

Davide Marchetta è nato a Messina nel 1959.
Ha lavorato per oltre trent’anni come critico letterario alla Gazzetta del Sud. Dopo il romanzo “Sospetto di morte” con Rubbettino (1995), ha pubblicato il poemetto “Io sono caino” (Nuova Ipsa, 2001), le raccolte poetiche “Manuale di sofferenza” (Sciascia 2010) e “Stella perdente” (2016) per Plumelia, nella collana “Acheni” diretta da Aldo Gerbino.
La sua rubrica è Segni diVersi

È la realtà nel punto fermo della sua sostanza. Lo sbriciolamento dell’essere nella sua entelechia. È una persona senza persona. La visione di una visione. È l’idea frantumata nel movimento, lo scompaginato assetto di un’evoluzione. Dio fatto uomo che trema prima di pensare. È la ribellione di una verità: particellaleggi »

E d’inverno perché c’è freddo, d’estate perché c’è caldo, va a finire che non lo facciamo più.Ma di cosa stai parlando?Del sesso, tesoro, del sesso. Esse, e, esse, esse, o.Ho capito, ho capito. Hai di nuovo la sacca spermatica da svuotare.Non essere così romantica.Perché, non è così?Sì, non lo nego.leggi »

Faccia attenzione.A cosa?Beh, mi creda, quando si cammina sulla corda sospesa nel vuoto, a così grande altezza e senza rete di protezione sarebbe meglio, molto meglio, prestare la massima attenzione a quello che si fa.Non si preoccupi. Ci sono abituato. Lo faccio fin da piccolo.Ah, allora non c’è bisogno cheleggi »

Il vecchio distratto non si è accorto di essere finalmente non più solo, come direbbe il suo amico tedesco Peter. Ora è uno con molti, uno con tanti, come gli ripete il suo socio gallese Dylan. Va a passeggio con Jacques tra i filari d’alberi di viale des Gobelins, eleggi »

Qualche volta potrei anche ignorare il maltolto, ma non posso non chiedermi chi è che decide come e quando dev’essere fatto del male a Davide. L’ipocrita parola, si sa, scatena disastri d’incomprensione. Il mondo piagato esiste e resiste, senza che nessuno si occupi di curarlo. Quello che mi spaventa èleggi »

Il poeta è un imbroglione incallito che dice sempre la verità. Quello che va dicendo assomiglia più a un racconto che alla realtà. Quello che va raccontando diventa realtà senza esserlo, perché certe volte la realtà non c’è nessun bisogno che sia reale. Pessoa lo definisce “fingitore”. E in effetti illeggi »

Lei è la persona che dichiara di essere? Sta parlando con me? Mi pare. Certo che lo sono. Cosa? La persona che dichiaro di essere. Me l’ha appena chiesto. Ah, già. Ed è sicuro di poter affermare che non c’è un dietro le quinte? Mi guardi. In che senso, scusi?leggi »

Superman sniffa kryptonite. Lo fa da quando è piccolo per sentirsi come tutti gli altri deboluccio ed esposto alle intemperie. Si fa di kryptonite per non farcela per perdere i superpoteri e sentirsi più a suo agio nei panni di Clark Kent. Quando diventa normale si trova meglio anche conleggi »

Tesoro, scusa, sai dov’è finito il sesso? Non riesco a trovarlo. Dovrebbe essere nel ripostiglio, perché? Come, perché? A che ti serve, stamattina? Non dobbiamo uscire? Sì, e allora? Ne ho bisogno per definire un buon rapporto. Con me? No, cara, che c’entri tu? Un buon rapporto con me. Ah,leggi »