Uno scatto, una vita [7] di Anna Bertini

32127_1464010289037_7223899_n

QUE VITA ZAPATA

No, non che lei si piacesse in quello scatto. Affatto. Aveva lo sguardo irregolare, non si capiva da che parte guardasse. Il naso e le labbra sottili, da persona sfuggente. Non le erano mai piaciute le persone sfuggenti. L’avevano colta in un momento molto suo però, meditabondo e preoccupato, nel senso anglosassone del termine. Qualche pensiero la occupava, vi era completamente immersa. Ed era un pensiero complesso, popolato da malinconie. Non sorrideva; nelle foto di rado era sorridente, soprattutto se “doveva” sorridere per farsi ritrarre proprio non riusciva. Ma in quell’immagine quasi certamente l’avevano sorpresa, no, non sembrava proprio essersi accorta dell’obiettivo. Le piaceva quella foto. Si riconosceva. Anche se i tratti erano imprecisi e un poco assottigliati. Le piacevano le mani nel loro gesto. Quella accostata alla tempia in modo lieve, come una tesa che migliorasse la percezione della luce e quella che teneva il sigaro cubano con leggerezza, come se si trattasse solo di una sigaretta o di un lapis, di un oggetto comune.
Le piacevano i capelli tirati indietro da un fermaglio, i lacci della salopette di jeans sulle spalle nude, la posizione reclinata della testa. Alla foto aveva dato il titolo Que viva Zapata. Era una delle cose più gradevoli: una forma sintetica ed efficace di descrizione dare il nome alle foto. Lo faceva così, per istinto. Il titolo veniva fuori e stava lì, apparteneva allo scatto come l’immagine.
Quella foto era il ritratto delle ribellioni interiori. Ogni volta che voleva fare una rivoluzione, anche piccola, ogni volta che aveva deciso di combattere qualcosa dentro di se o nel mondo intorno a lei, l’andava a riprendere. E sentiva già il cambiamento affiorare. Ecco; lei era Frida, Tina, Don Quijote e il Che. Una boccata al sigaro, il sapore aspro e aromatico del tabacco nei polmoni, tra i denti il fumo pronto a uscire fuori insieme ai pensieri e già qualcosa si muoveva, era pronto. Qualcosa era nuovo.

© Anna Bertini, 2016

uno scatto una vita

Leave a Reply