Oroscopo d’autore [4] di Alessandro Morbidelli

Oroscopo d’Autore
(Barbara Garlaschelli)

Un dedica speciale per la nuova vita di “Sirena”. Oroscopo dedicato alla mia prima lettura di Barbara Garlaschelli, il racconto “Fotogrammi” su Anime Nere (Mondadori).

ARIETE: Non esiste una sequenza esatta per le emozioni. Non le puoi mettere in fila. E neppure scansarle. Ti tocca viverle tutte e cercare di sopravvivere.

TORO: Osserva le crepe lungo il muro. La notte nasconde. Protegge. Non usare torce elettriche perché non ne hai bisogno.

GEMELLI: È difficile portare a termine una missione tanto complessa senza lasciarsi sopraffare dai sentimenti. Bisogna essere forti e determinati per sopravvivere a tanta desolazione, a tanto orrore.

CANCRO: Hai un po’ di affanno, ma l’affanno e la fatica sono purificatori. Sono il prezzo da pagare. Non sopporti l’idea di chi c’è nell’altra stanza.

LEONE: Una catena ininterrotta della meccanica caotica. Hai fatto un po’ tardi. È una follia. Ti scopriranno. Qualcosa, non solo di superfluo, ma anche di dannoso.

VERGINE: Tanta gentilezza suona fuori posto. Il dolore prima lo si affronta meglio è. Poi si è liberi. Come sempre sai cosa fare.

BILANCIA: La tua mente è altrove, in un altro tempo, in un altro spazio. Chi sta sull’altalena ha un solo pensiero: salire più in alto, più in alto, più in alto. Come se niente dovesse avere fine. Come se la vita fosse una tombola perpetua.

SCORPIONE: I palazzi neri sono solo rare comparse nel nero. Ti tocca venire a patti, come se ti avessero strappato da un posto caldo e tranquillo per sbatterti in una pozzanghera. Sì, buongiorno. Anzi: addio.

SAGITTARIO: Una farfalla batte le ali a New York e provoca un terremoto a Tokyo. Un clic impercettibile. Molto bello e molto colpevole.

CAPRICORNO: La prima cosa è la pulizia, il candore. La seconda è la decisione, il credere nelle proprie scelte. La terza è l’amore. Che poi sarebbe la prima.

ACQUARIO: Non hai bisogno di sonniferi. Il sonno arriva sempre puntuale, come un amico. Se non dormi, fissa gli occhi nell’oscurità che ti scorre di fianco e in meno di una frazione di secondo ti ritroverai in mezzo a un prato bruciato dal sole.

PESCI: Passa il tempo. Puoi fare qualcosa. Pulizia. Ordine. Giustizia. La mano dietro la schiena stringe il manico del coltello. Lo farai.

© Alessandro Morbidelli

Leave a Reply