Oroscopo d’autore [32] di Alessandro Morbidelli

oroscopo_poe

OROSCOPO D’AUTORE
(Edgar Allan Poe)

Oroscopo d’Autore che sceglie la notte delle streghe per augurarvi un buon novembre sotto il segno di Edgar Allan Poe e dei suoi racconti terrificanti.

ARIETE: Le vostre facoltà mentali che chiamate analitiche sono poco suscettibili di analisi; le valutiamo esattamente solo nei loro risultati; tra l’altro, sappiamo che per coloro che le possiedono sono una fonte di vivissima gioia. Come l’uomo forte si rallegra della sua abilità fisica dilettandosi di quegli esercizi che mettono in azione i muscoli, così un uomo di mente analitica si gloria di quell’attività spirituale che sa districare e trova piacere anche nelle più comuni occupazioni che fanno entrare in azione il suo talento. [I delitti della Rue Morgue]

TORO: Sarà allora che la vostra imbarcazione si precipiterà nella morsa della caterrata dove si sarà spalancato un abisso per ricevervi. Ma ecco sorgere sul vostro cammino una figura umana dal volto velato, di proporzioni assai più grandi che ogni altro abitatore della terra. E il colore della sua pelle sarà il bianco perfetto della neve. [Gordon Pym]

GEMELLI: Durante un’intera giornata d’autunno, fosca, oscura e silenziosa, in cui le nuvole, basse nel cielo, formano come una cappa di piombo, avete attraversato a cavallo una landa straordinariamente tetra, e alla fine, mentre calavano le ombre della sera, vi siete trovati in vista della malinconica Casa Usher; non sapete dire come, ma, alla prima occhiata che avete dato alla costruzione, un sentimento d’insopportabile tristezza ha penetrato il vostro animo. [La caduta della casa degli Usher]

CANCRO: Udite molte cose nell’inferno. E allora, siete matti per questo? Ascoltate! E osservate con quanta lucidità, con quanta calma possiate narrarvi da soli l’intera storia. È impossibile dire come l’idea vi sia entrata per la prima volta nel cervello; ma, una volta concepita, non vi diede più tregua né giorno né notte. Non avete alcuno scopo. Non v’era collera in voi. Volete bene al vecchio. Non vi aveva mai fatto alcun torto. Non vi aveva mai ingiuriato. Non desideravate il suo oro. [Il cuore rivelatore]

LEONE: Vi sono poche persone, anche fra i pensatori più calmi, che non siano qualche volta state prese da una vaga, ma emozionante semicredulità nel soprannaturale, a causa di coincidenze d’un carattere apparentemente così meraviglioso che l’intelletto era incapace di ricevere come semplici coincidenze. [Il mistero di Maria Roget]

VERGINE: Vi sono certi temi eccezionalmente interessanti ma che nel complesso sono troppo orribili da servire agli scopi di una novellistica convenzionale. Da questi il semplice narratore deve rifuggire, se non vuole offendere o disgustare. Essi vengono trattati appropriatamente solo quando sono santificati e sorretti dalla severità e dalla maestà del vero. Noi vibriamo, per esempio, della più intensa e piacevole pena. [Il seppellimento prematuro]

BILANCIA: Non come sei, nella fredda valle e nell’ombra, ma come dovresti essere, intento a sperperare una vita di magnifica meditazione in quella città di vaghe visioni, nella tua Venezia, ch’è un Elisio del mare caro alle stelle, e i cui palazzi palladiani dalle loro ampie finestre guardano giù con profondo e amaro significato ai segreti delle sue acque silenti. [L’appuntamento mortale]

SCORPIONE: Non ho molto da dire del mio paese e della mia famiglia; i maltrattamenti e il passare degli anni mi hanno reso estraneo all’uno e all’altra. Con la ricchezza ereditata riuscii a procurarmi un’istruzione non comune e il mio spirito contemplativo mi permise di dare un ordine metodico a tutte le nozioni che avevo accumulate diligentemente durante gli anni giovanili. [Manoscritto trovato in una bottiglia]

SAGITTARIO: In verità strane cose accadranno, arcane cose saranno rivelate, e molti secoli trascorreranno prima che queste memorie siano viste dagli uomini. E, quando le avranno viste, alcuni non vi crederanno, altri ne dubiteranno, ma vi sarà pur qualcuno che troverà di che meditare sui caratteri che incidete qui con uno stilo di ferro. [Ombra]

CAPRICORNO: Anche la sfortuna più avversa deve arrendersi alla fine di fronte all’irriducibile coraggio della filosofia, come la più ostinata fortezza dinanzi al continuo assedio del nemico. Troia cedette alla fine di dieci anni e Azoto, secondo quanto afferma Aristeo sul suo onore di gentiluomo, alla fine aperse le porte a Psammetico, dopo averle tenute sbarrate per un quinto di secolo. [Perdita di fiato]

ACQUARIO: Sarà un quieto e tranquillo pomeriggio. Gli uomini parleranno, le donne strilleranno, i bambini grideranno, i maiali grugniranno, i carri faranno un gran fracasso, i tori urleranno rabbiosamente, le mucche muggiranno, i cavalli nitriranno, i gatti miagoleranno, i cani balleranno. Balleranno? Sarà possibile? Balleranno! [Un caso imbarazzante]

PESCI: I venti, indignati, non hanno forse già sparso fin nelle più remote parti del mondo la tua infamia senza conforto? Tu, il più abbandonato fra tutti i proscritti… non sei forse morto per sempre al mondo, ai suoi onori, ai suoi fiori, alle sue dorate aspirazioni? Già da troppo tempo hai pensieri di disprezzo, di orrore, di ripulsione per tutta la razza umana. [William Wilson]

© Alessandro Morbidelli, 2016

Leave a Reply