Oroscopo d’autore [21] di Alessandro Morbidelli

chuck-palahniuk

OROSCOPO D’AUTORE
(Chuck Palahniuk)

Oroscopo d’Autore dedicato all’autore, tra gli altri, di Cavie, Diary, Invisible Monster, Pigmeo, Rabbia, Survivor e Soffocare, tutto mescolato con sapienza e perseveranza dalle stelle.

ARIETE: L’aria sarà sempre troppo carica di qualcosa. Il vostro corpo sempre indolenzito o stanco.  Forse la gente deve soffrire davvero prima di arrischiarsi a fare ciò che ama. Il solo motivo per cui chiediamo ad altre persone com’è andato il loro fine settimana è perché così gli possiamo raccontare il nostro. Quando non sapete chi odiare, odiate voi stessi e ricordate che sarete ricordati più per quello che distruggete che per quello che create.

TORO: La gente rivendica i propri diritti sulle persone a cui vuole bene dando loro un nome diverso. Etichettandole come fossero roba loro. Nella vita tutto è carne o soldi, come se le due cose non potessero esistere contemporaneamente. Sarebbe come essere vivi e morti allo stesso tempo. Non si può. Bisogna scegliere. Il dolore e l’odio e l’amore e la gioia e la guerra esistono perché siamo noi a volerli.

GEMELLI: Certi nascono umani. Altri ci mettono una vita a diventarlo. Nel cielo sopra le nostre teste, c’è lo stesso sole che ci guarda fare gli stessi errori miliardi di volte. Dopo tutto quello che abbiamo passato, il cielo è sempre lo stesso cielo azzurro. Niente di nuovo. Nessuna sorpresa qui. Ogni cosa è un autoritratto. Ogni cosa è un diario.

CANCRO: Qualche volta il modo migliore di avere a che fare con la merda, è non considerare se stessi come un piccolo premio prezioso. Racconta la tua triste storia del cazzo per tutta la notte. Quando realizzi che la storia che stai raccontando sono solo parole, quando puoi sbriciolarla e gettare il tuo passato nel secchio dell’immondizia, allora riusciremo a capire chi sarai.

LEONE: Completamente e totalmente, permanentemente e senza speranza di ricompensa, solo come un atto di volontà, amerete qualcuno. La verità è che ovunque uno scelga di essere, è sempre nel posto sbagliato. Se riuscirete a prendere congedo da tutte le vostre storie. Dal vostro essere carnefici o vittime. Solo allora, forse, potrete salvare il mondo.

VERGINE: Può la perpetua felicità dell’Eden essere diventata tanto noiosa che mangiare la mela fu un atto giustificato? Anche il giardino dell’Eden non era nient’altro che una grande gabbia di lusso. Resterai uno schiavo per il resto della tua vita, a meno che tu non morda la mela. Il mondo potrebbe essere assai meglio di come ci accontentiamo che sia. Tutto quello che dobbiamo fare è chiedere.

BILANCIA: Puoi dire alla gente la verità, ma nessuno ti crederà fin quando non accadrà il fatto. Quando ormai è troppo tardi. Nel frattempo la verità non avrà altro effetto che quello di irritare loro e far passare a te un sacco di guai. Capisci che è la nostra sfiducia nel futuro che ci rende difficile il distacco dal passato. La ragione per cui ogni volta che buttiamo via qualcosa ci assale la nostalgia è che abbiamo paura di evolvere.

SCORPIONE: A quello che non capisci puoi dare qualunque significato. È perché siamo intrappolati nella nostra cultura, nel fatto che siamo esseri umani su questo pianeta con i cervelli che abbiamo, e due braccia e due gambe come tutti. Siamo così intrappolati che qualsiasi via d’uscita riusciamo a immaginare è solo un’altra parte della trappola. Qualsiasi cosa vogliamo, siamo ammaestrati a volerla.

SAGITTARIO: Le nostre vere scoperte vengono dal caos. E l’incontro con questo è l’evento che dà inizio a un nuovo futuro. O a un passato nuovo di zecca. Oppure a entrambi. La gente non può concepire in un altro la presenza di una virtù che non può concepire in se stessa. Invece di credere che tu sia più forte, gli riesce molto più semplice credere che tu sia più debole. Solo l’inevitabile esiste

CAPRICORNO: Ci sono storie che quando le racconti si consumano. Sono quelle in cui il pathos si appanna, e ogni versione suona più sciocca e vuota della precedente. Altre storie, invece, consumano te. Più le racconti, più acquisiscono forza. Quel tipo di storie non fa che ricordarti quanto sei stato stupido. Quanto lo sei ancora. E quanto la sarai ancora. E se la realtà non fosse altro che una malattia? Amate il dramma. Amate il conflitto. Avete bisogno di un demone, o ve ne creerete uno.

ACQUARIO: Puoi mantenere un sorriso autentico solo per un po’, dopodiché è solo denti. Nascere è come entrare in un edificio. Chiudersi in un edificio senza finestre per guardare fuori. Stando chiusi dentro un edificio, dopo un po’ ci si dimentica com’è il mondo fuori. Senza uno specchio vi dimentichereste persino il vostro volto. A quello che non capisci puoi dare qualunque significato.

PESCI: Fa paura, ma adesso, quando vedete qualcuno arrossire, la vostra reazione non è: oh, che carino; vi ricorda solo che il sangue è proprio sotto la superficie di ogni cosa. Dimenticare il dolore è difficilissimo, ma ricordare la quiete lo è ancor di più. La felicità non vi lascia cicatrici da mostrare. Dalla quiete imparate così poco. Gli uccelli hanno mangiato il vostro viso. E cominciate a ridere.

© Alessandro Morbidelli, 2015

Leave a Reply