Le Geatitudini [2] di Gea Polonio

The sandbox

L’assegnazione alla nascita di ognuno
È di una vasca di sabbia e di due mani.

Paletta, secchiello e un po’ di acqua
Un grande buco, la schiuma, le formine
Sedendosi per terra per strisciare
Riempiendosi di sabbia le mutande
La pista parabolica, i castelli
Essenziali, o con guglie a caduta
O con i merli scolpiti con le dita
Tondette e speranzose, i cornicioni,
Finestre ad arco gotico eleganti
O feritoie di pura utilità.
Oppure solo la ricerca di un posto
Dove nascondersi infilando la testa
Per non vedere, non sentire o fare
Sperando tanto non succeda un giorno
Che ci si renda conto con terrore
Che nella vasca non ce n’è abbastanza
Che qualche volta neppure basterebbe
Un intero deserto per sparire.

© Gea Polonio

Leave a Reply