Comico Erotico Stomp [9] di Viviana Gabrini

© disegno di Laura Zulian

© disegno di Laura Zulian

(voce: Viviana Gabrini)

TIPOLOGIE (PARTE I)

Caro diario, ieri sera cena da rientro delle vacanze per il pollaio riunito al gran completo. Oltre a me, c’era tutta la squadriglia in gran spolvero: la Pucci, la Tatti, la Cicci, la Nini, la Pinti e la St.Mary.
Argomento cardine della serata, al solito, l’universo maschile, annessi, connessi e soprattutto sconnessi.
Dopo un giro di pinot, uno di bonarda, un paio di sangria e qualche mojito, abbiamo deciso di individuare alcune tipologie ricorrenti nella vita ovarico-gonadica di ognuna di noi.
Come dire: se li conosci li eviti, se li eviti non ti svasano le ovaie.

Lo sportivo. Non ha mai un muscolo fuori posto, passa tutto il tempo libero a sudare in palestra, è nemico giurato di ogni cedimento strutturale del corpo. Soprattutto del tuo.
Ti sveglia alle 5 del mattino proponendoti una corsetta di 34 km nel parco, ti conta le calorie ad ogni boccone che ingurgita, vorrebbe vederti infilata in imbarazzanti tutine in lycra che farebbero sembrare obesa anche quell’osso vestito di Kate Moss.
Da evitare se, come me, l’unica attività fisica che svolgi è sollevare 20 volte al giorno la tazzina del caffè.
Effetti collaterali: svilupperai un’ anomala avversione per ogni cura del corpo, di rimando ti ridurrai a utilizzare l’auto anche per andare in bagno e i tuoi fianchi assumeranno l’estensione dell’Alaska.

Lo sportivo-passivo. La sua palestra è la poltrona del soggiorno da dove, dotato di 8 telecomandi (tv, parabole satellitari, pay tv) segue contemporaneamente i mondiali di calcio categoria pulcini dell’Indonesia e le finali di lotta libera nel fango dell’isola di Giava. Non si ricorda mai del  tuo compleanno e del vostro anniversario ma cita a memoria tutte le formazioni calcistiche del Cagliari degli ultimi 35 anni. Sul comodino tiene la fotografia autografata di Platini e sulla spalla si è fatto tatuare il profilo di Collina.
Da evitare se pensi  che il calcio sia un gioco in cui 22 esagitati in mutande rincorrono una palla.
Effetti collaterali: nausea, vomito e tremori per tutto il campionato di calcio. Crisi epilettiche ogni 4 anni in occasione delle Olimpiadi. Coma durante i mondiali.

(Continua)

© Viviana Gabrini, 2015

Leave a Reply