Bipede a quattro mani [5] di Raffaele Rutigliano

© Raffaele Rutigliano

‘A CHIANT

Il giardino era fuori, debole. Io, che ridevo come una cagna. Poi, la metamorfosi, divenni una pianta piena di foglie e verde. Poi, sempre poi, tutto si fece giallo. Venne giù Pharrel e iniziò a cantare Happy. (Il trash è giallo.)
Madonna che cojoni! Pure qua, uno si pensa di stare tranquillo, di fare pe’ na vo’ta ‘a pianta… Lì, buona, ferma, zitta, che non dà fastidio a nisciun’. Invece t’ vet stu cazz d’ Farrèll, co’ nu cazz d’ sorris mbacc’ a cantà p’ fatt f’lisc. Sì, per farci felici, tutti. Comm’ si nun simm cuntent.
Ma stu Farrèll ‘o ssap che i chiant nun c’hann nu cazz ‘a fa’?
(E tutto divenne un insieme di colori, dal verde brillante all’arancio perlato, passando per il giallo.)
Maronn, avit vist mai n’arancio perlat? Sol sop all’Abarth.
Due passarono davanti: “Ti amo, susina”. “Ti amo mio Darwish”.
Maronn, ch’accocchiat e’ cozz.
Erano a braccetto, si guardavano in faccia, ridevano. Che avranno voluto dirsi? Che io ero lì?, e li guardassi?
No, si fecero un selfie e con me dietro, chin d’ foglie.
Ma sta rrobb’ addò cazz va a f’rnisc’r?
Dicono: ‘ncopp a Instagràmm.
Uh, avete sentito, va a f’rnisc sop a Instagràmm, e che rè?
Comm, non zai cos’è Instagràmm?
No, o meglio: nu poc ‘o so.
La ragazza del ragazzo, chella semp’ coi capelli lunghi, ma col pirsing sop all’orecchio ca’ catenell ca fasc du giri sop alla cap e poi scenn’ fin’copp all’ombelico, sì, proprio chella là: a caten ‘ro cess, che quando la tiri t’ disc na parola bbona sop a tremila, m’ disc: “Instagràmm è tip a Feisbuk, che non è na parolaccia – quelle cose le faccio solo al ragazzo mio -, ma è nu’ portal, nu’ poc’ social e tanto netwoch, andò s’ scriv con la tastiera megatronica e s’ fann’ i selfie.”
Il ragazzo e la ragazza poi se ne sò iùt, lontan. Non l’aggj vist chiù. E Farrèll ha f’rnut a canzona soje e v’à lassat ‘u ggiall.
Che poi in autunno ci siamo, e il giallo è bello carico sop’ a tutt’e cos.
E io resto immobile e fa’ la pianta, ché mo nu cretin s’è sedut’annanz e s’è mis ind a cap’ ch’aggj arruà da lui co’ tutte le radici, colla psicocinesi. (‘sti cinesi).
Ma chist’ omm’n no’ stann bbuono. E io che volevo fare solo la pianta. (Buongiorno).

© Raffaele Rutigliano, 2015

Leave a Reply